Pinocchio e la lingua italiana

Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi è da sempre un libro molto amato in Italia e ha anche avuto una grande influenza sulla lingua italiana. Perché, ad esempio, si dice “ridere a crepapelle” o “avere il naso lungo” o “vivere nel paese dei balocchi”?
Sono modi di dire ispirati proprio alle avventure del celebre burattino: il serpente gigante che muore dal ridere quando vede Pinocchio caduto nel fango a testa in giù; la fata Turchina che dice a Pinocchio che le sue bugie si riconoscono perché hanno il naso lungo; e infine il Paese dei Balocchi, un luogo immaginario dove Lucignolo porta Pinocchio e dove non esistono obblighi né doveri e si pensa solo al divertimento.

articolo di: Carolina Ciampaglia

Categoria: cultura italiana
Leggi l’articolo precedente